Punizioni subdole e punizioni piacevoli

Punire ed essere puniti è una tematica che tutti conoscono, dall’andare a letto senza televisione nell’infanzia fino alle multe dell’autovelox o a conseguenze disciplinari per errori combinati da adulti. Anche nella vita di coppia esistono diverse forme di punizioni che uomini e donne si infliggono reciprocamente tutti i giorni, senza mai dichiararle come tali:

  • Arrivare in ritardo agli appuntamenti
  • Minacciare di lasciarlo o lasciarla
  • Negare il sostegno emozionale quando ne ha bisogno
  • Raccontargli o raccontarle per filo e per segno tutta la giornata quando è già stanco o stanca
  • Fare una scenata
  • Negargli o negarle il sesso
  • Evitare il contatto, non abbracciarlo/a, ignorarlo/a, uscire senza dire nulla
  • Indovinare il suo punto debole e farlo/a sentire in colpa
  • Sabotare le sue iniziative e i suoi progetti
  • Ridicolizzare i suoi desideri
  • Prendere le proprie difficoltà sessuali come scusa
  • Indulgere nei propri problemi come lo stress o la depressione

Tutte queste azioni, talvolta subdole e manipolative, molto spesso hanno un obiettivo ben preciso: punire il partner per qualche ferita effettiva o immaginata che abbiamo subito. Avvengono però in modo indiretto, mascherato da buone ragioni e mille scuse come: “Non me la sento di…”, “Mi sento così male, che… ” o “Questo è il tuo problema e non il mio!”.

In questo modo nell’arco di una giornata di una coppia “normale” si accumulano più sadismi che in una intera sessione sadomaso. Specialmente nella vita intima, con le punizioni subdole, che fanno soffrire il cuore e il sesso, giochiamo un one for one, oppure un payback del tipo: “siccome tu ieri mi hai…, io oggi ti…” sapendo che “domani lui mi farà… ” ma sapendo pure che “allora io dopodomani…”.

Allora perché non giocarlo consapevolmente, dichiarando apertamente “Caro, accanto a te, con tutto l’amore che provo, sto anche soffrendo. Perciò ti voglio punire! E mi piace pure”? Con una tale frase chiara si sente l’aria cambiare! Quando ammettiamo le cose come stanno veramente, senza giustificazioni e buone scuse, improvvisamente nella nostra testa qualcosa si apre, fa spazio a un nuovo modo di relazionarci.

Se questo argomento ti interessa abbiamo scritto un libro che comprende anche questi aspetti: “Trasgredire con amore”.

Condividi l'articolo

Articoli correlati